Blondies al grano saraceno mirtilli e mandorle

25. aprile 2014 09:44 | Stampa

Due post in una settimana?

Non è vero, non ci credo!

E infatti non ci credo finchè non ho finito di scrivere e cliccato sul tastino pubblica.

Ma dopo tanto tempo ho una ricetta gluten free da pubblicare il venerdì per il Gluten Free Friday e non solo.....Sono ancora in tempo per il contest della mia amica FornoStar, non posso perdere quest'occasione.

Questa ricetta nasce dall'esigenza di consumare una confezione di farina di grano saraceno dimenticata e in scadenza, comprata in tempi non ancora sospetti, quando avevo tempo di cucinare e le idee erano tante.

Poi è arrivato Alessandro!

Inoltre questa ricetta è liberamente tratta da "Cookies" di Martha Stewart, riadattata alle esigenze della mia dispenza e completamente preparata dal mio garcon.

Io l'ho solo fotografata e mangiata e devo dire che è stato davvero, davvero bravo.

Il grano saraceno mi piace tantissimo e, contrariamente da quanto suggerisce il nome, è completamente senza glutine.

I blondies invece sono la versione non cioccolattosa dei brownies. Il cioccolato è sostituito da una dosa importante di zucchero di canna, non li avevo mai fatti e neanche mai mangiati e devo dire che questa versione molto rustica mi è davvero piaciuta....li rifaremo!

More...

Superare i propri limiti.....

22. aprile 2014 16:27 | Stampa

Lo ammetto. Questo mese ho avuto un mancamento quando ho letto la ricetta della sfida dell'MTC, seguito da un momento di desolazione totale.

So che prima o poi succederà, prima o poi dovrò pur passare un turno. Finora non è mai successo, da settembre 2011. 

Nemmeno quando la sfida era il baccalà, che non mi piace.

Nemmeno quando mi preparavo ad un trasloco internazionale. Con tutta la casa impacchettata, compresa la cucina, io friggevo arancine.

Nemmeno il primo mese di espatrio. Cercavo di adattarmi ad una nuova realtà, un nuovo paese, una nuova lingua, una vita tutta da rifare con una bimba di poco più di 2 anni ed io impastavo pici.

Nemmeno al nono mese di gravidanza, con un panzone enorme io ho preparato una colazione all'americana da tre portate ed ho postato meno di una settimana prima di partorire.  

Possibile che la mia avversione per frattaglie, interiora e quant'altro mi fermi? Insomma, non è possibile....e infatti eccomi qui!

Con la mia proposta, non sarà il massimo, ma per me è stato davvero difficile trovare qualcosa che fosse all'altezza di questa gara e degli altri miei compagni che so proporranno cose da pazzi ma che non avrò il coraggio di guardare per l'avversione di cui sopra.

La prima cosa da fare era trovare qualcosa che, per me, fosse "commestibile" e poi decidere come cucinarla, cosa non facile visto che per questione di gusti, non l'ho mai fatto.

Ho deciso di restare sulla tradizione, visto che non si può innovare ciò che non si conosce e ho iniziato a studiare....

Mi è venuta in mente una frase scritta sui muri di uno dei nostri pub preferiti qui a Bath.

"All good things for those who wait"

Bath più pub più attesa per me significava solo una cosa....Sunday Roast!

Il Sunday Roast qui in Inghilterra è un evento più che un piatto. Un'occasione per riunire la famiglia intorno ad un bel piatto di arrosto fumante.

Si tratta di un piatto unico composto da carne arrosto, solitamente il manzo ma anche maiale, anatra, pecora o cacciagione oltre alla versione vegetariana, patate arrosto o "mashed", la loro versione del nostro purè, verdure arrosto o lesse, Yorkshire Pudding e l'immancabile gravy, che è una salsa di accompagnamento solitamente a base di cipolle e lo stesso sugo della carne.

Si può gustare sia a casa che ai pubs che, solitamente, la domenica offrono un menù diverso rispetto al resto della settimana, con gli arrosti del giorno.

Durante i miei studi però mi sono imbattuta in una storica ricetta della zona di Bath e  Bristol e che un noto ristorante di Clifton (uno dei miei quartieri preferiti di Bristol), The Albion, ha riportato in voga.

Si tratta delle Bath Chaps e si preparano utilizzando la guancia di maiale, la parte più bassa. Questa viene "stagionata" (il termine inglese è  brined) in una salamoia per una o due settimane, successivamente tagliato a fette, come un prosciutto, e poi grigliato o impanato e poi fritto.

Purtroppo quando ho scovato questa ricetta avevo già ordinato il pezzo che non era adatto a questa preparazione e visti i tempi lunghi, anche riordinandola, non avrei fatto in tempo. Quindi mi sono dovuta adattare.

Slow roasted Pigs' cheeks, with pink fir dauphinoise, apple and bacon roses and cider caramelized onion gravy.

 

  

 

More...

Hot Cross Buns

8. aprile 2014 16:39 | Stampa

Gli Hot Cross Buns sono dei panini dolci che qui in Uk, e in altri paesi anglosassoni, vengono consumati durante il periodo pasquale, in particolare durante il Good Friday (venerdì Santo).

Sono dei panini speziati alla cannella e ripieni di uvetta contrassegnati da una croce, a simboleggiare la crocefissione di Cristo......e sono anche buoni.

Perciò ho deciso di farli quest'anno con la mia aiutante che ha fatto le croci con il sac a poch e poi li ha lucidati. Io credo che sia stata bravissima ma lascio decidere a voi.

 

 

La ricetta è di Paul Hollywood che, come al solito è una garanzia.

Intanto ho trovato anche un negozio di prodotti italiani dove ho trovato il grano per fare la mia amata pastiera :-)

More...

L'immagine può contenere: sMS

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Anch'io sono

 

Convertitore cups/grammi

Le ceramiche utilizzate in questo blog sono una produzione artigianale "I Cocci" www.icocci.org

 

I consigli della nutrizionista

Ricette per mese