Rewind....Scialatielli alla curcuma e peperoncino all'acqua pazza di spigola con il suo guanciale e stracciatella di mozzarella.

25. settembre 2017 20:54 | Stampa

Perché quando ero lí che cuocevo la pasta e l'ho assaggiata stavo quasi per buttare tutto e ricominciare.

Poi quando, sia Cristina che Alessandra, hanno mosso la stessa critica/ suggerimento verso la mia proposta che, sapevo, era anche la mia, non ho saputo resistere e ho dovuto riprovare, stavolta con degli scialatielli non proprio classici ma nemmeno troppo etnici.

E ci risiamo con l'MTC67, stessa ricetta ma un pó diversa.

Perché gli scialatielli? me lo sono detta da sola anche nel post precedente.

Perché con il pesce si sposano sempre bene.

Al peperoncino, che richiama quello del sugo. Ma é un piccante leggerissimo, che pizzica appena appena.

La curcuma perché mi piace il colore che dá alla pasta fresca ed insieme alla polvere di peperoncino e a quella del thai basil (al posto del basilico della ricetta classica) ha dato alla pasta un colore ancora piú allegro.

Rispetto alla ricetta precedente, la strecciatella l'ho unita alla mantecatura, anche se non mi era dispiaciuta la nota di freschezza che dava al piatto messa a crudo, nonostante un pó slegata.

Scialatielli alla curcuma e peperoncino

200 g di farina 00

200 g di semola

120 ml di latte

1 uovo

un cucchiaino di thai basil ridotto in polvere

1 cucchiaino di curcuma

1/2 cucchiaino di peperoncino

2 cucchiai di olio

un cucchiaio di parmigiano grattugiato

Mescolate le farine e fate la fontana.

Aggiungete al centro il latte, l'uovo, le spezie e l'olio. Iniziate ad impastare raccogliendo la farina dai bordi fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Ci vorranno all'incirca 10-15 minuti.

Coprite e lasciate riposare per almeno mezz'ora.

Stendete la sfoglia leggermente piú spessa della sfoglia delle tagliatelle. La misura degli scialatielli é 10 cm di lunghezza per 7-8 mm di larghezza, quindi piú corti e piú larghi delle tagliatelle.

 

Preparate l'acqua pazza di spigola e la stracciatella di mozzarella come descritto nel post precedente ed intento mettete a bollire l'acqua per cuocere gli scialatielli

In un ampia padella fate soffriggere due spicchi d'aglio, aggiungete l'acqua della spigola lasciatela ridurre a fuoco vivo.

Cuocere gli scialatielli nell'acqua bollente e salata per 5 minuti circa quindi porli nella padella con il sugo e farli mantecare per un minuto aggiungendo altra acqua della spigola o acqua di cottura della pasta.

Un attimo prima di togliere dal fuoco aggiungete le guance delle spigole, la stracciatella di mozzarella e il prezzemolo tritato, mescolate.

Imbiattate decorando con la polvere di capperi e servite.

 

 Con questa ricetta partecipo all'MTC n67 - parte seconda

banner_sfidadelmese_67

Troccoli al grano arso all'acqua pazza di spigola con il suo guanciale, stracciatella di mozzarella e polvere di capperi

18. settembre 2017 17:03 | Stampa

Quando sei nato al mare, il mare te lo porti dentro, qualunque sia il giro che fa la tua vita.

Fino all'etá di 22 anni ho avuto la fortuna di abitare in una zona molto panoramica di Napoli, in collina, e dalla mia finestra potevo guardare il mare, ne sentivo quasi il profumo anche a chilometri di distanza.

Frequentavo un'universitá affacciata sul Molo Beverello e dalla biblioteca, mentre studiavo per i miei esami, guardavo i traghetti partire per le isole e sognavo.

Poi la mia vita mi ha portato lontano dal mio mare e, sebbene io viva su un'isola, il mio mare mi manca ogni giorno.

Peró, come dicevo, quel pezzo della mia vita fa parte di me e non lo dimentico.

 

Quando ho saputo che la vincitrice dell'MTC era Cristina ero sicura che ci avrebbe portati tutti al mare ed ero felice. Anche se questo avrebbe significato gareggiare con quel poco di prodotti ittici che ho a disposizione qui in Inghilterra.

Ero sicura che il mare che mi porto dentro sarebbe uscito in qualche modo, sebbene in modo semplice e spontaneo, comunque con i sapori e i profumi che mi appartengono.

Sono una persona che si adatta facilmente ed ormai non mi lamento neanche piú del fatto che quei pochi pesci freschi che trovo sui banchi pescheria siano per lo piú in tranci e senza teste (seriously, perché tagliate le teste a tutti?). 

Credevo che, come al solito, ne sarebbe uscita una mezza ricetta inglese, ma invece sono venute fuori le mie origini, in un piatto pieno di sapore dove il pesce, anche se quasi materialmente assente, é il grande protagonista.

 

More...

Merenda: Brioche al latte, simil Kinder Brioss

17. settembre 2017 09:00 | Stampa

Oggi faccio outing!

Da bambina facevo merenda con le merendine del Mulino Bianco.

Adoravo anche la pubblicitá, con il mulino, il mugnaio e sua moglie.

Collezionavo quelle adorabili gommine a forma di biscotto o merendina e tutte le soprese che venivano fuori da quegli scatolini simili a quelli dei fiammiferi, li ricordate?

Mia madre mi nutriva di quelle merende senza troppe preoccupazioni.

Oggi, le merendine confezionate sono viste con sospetto (per usare un eufemismo).

Nutrire i propri figli con una roba del genere é considerata quasi una condanna a morte o, almeno, a qualche indicibile malattia.

Ammetto che prima tante cose non si conoscevano, era il boom del consumismo, e si mangiava con meno consapevolezza.

Anche io cerco di non dare ai miei bambini cose confezionate, troppo elaborate e, se riesco, cerco di fare tutto in casa, con prodotti freschi.

Eppure quelle merendine le ricordo con affetto e, a volte, con un pó di nostalgia.

Oggi, con il Calendario del Cibo Italiano, vi offriamo la soluzione.

 

Oggi é la giornata dedicata alla Merenda e, con alcune colleghe, abbiamo voluto celebrarla riproducendo alcune tra le merende piú popolari.

Ce n'é per tutti i gusti, e vi invito vivamente a dare un'occhiata alla carrellata di meraviglie che ne é uscita fuori. Io ho giá la mia lista di preferite da rifare.

 

Io vi propongo delle brioscine alla crema di latte simili ai Kinder Brioss.

More...

L'immagine può contenere: sMS

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Anch'io sono

 

Convertitore cups/grammi

Le ceramiche utilizzate in questo blog sono una produzione artigianale "I Cocci" www.icocci.org

 

I consigli della nutrizionista

Ricette per mese