Babà Masaniello di Salvatore De Riso

21. marzo 2013 13:17 | Stampa

Nonostante abbia spesso da ridire sulle ricette di De Riso, ne vado matta!

Questi babà per esempio erano buonissimi e anche molto veloci da fare.

Anche se l'impasto mi è sembrato troppo liquido con la dose di farina indicata dalla ricetta, per cui ne ho aggiunta un bel pò....in realtà quasi il doppio.

Comunque vi consiglio di provarli come aperitivo e sono perfetti per un buffet.

More...

Mini scotch eggs e Jamie's italian

4. marzo 2013 16:35 | Stampa

Se c'è una cosa che non faccio MAI è andare a mangiare al ristorante italiano quando sono all'estero.

Lo evito sempre quando sono in vacanza e avevo intenzione di fare lo stesso ora che vivo qui.

Le ragioni sono sempre le stesse. Il rischio di rimanere delusi o nauseati è altissimo.

Inoltre a casa mia si mangia una discreta cucina italiana per cui non ne vedo l'esigenza.

Il fatto è che anche il miglior chef italiano che possieda un ristorante all'estero deve piegarsi alla legge del mercato, per cui la cucina finirà necessariamente per subire una forzatura, al fine di incontrare i gusti del luogo.

Io non ci sto a questa forzatura, per cui, semplicemente evito.

Infine mi piace scoprire cose nuove, le cose vecchie me le cucino da sola.

Ma non potevo non fare un'eccezione per Jamie Oliver.

Ero troppo curiosa di mangiare nel suo ristorante italiano a Bath e così ci sono andata.

Delusa?

NOOOOOOO!!!

E' questa la grande sorpresa per me....Mi è pure piaciuto!!!

Io comunque non la definirei cucina italiana. E' piuttosto la sua interpretazione della cucina italiana, figlia di uno studio attento e onesto. Reinventata utilizzando ingredienti sia italiani che inglesi, nel suo solito stile accattivante, originale e genuino.

Lui non c'è fisicamente ma si trova everywhere e ci tornerò, anche....eccome se ci torno!

Oggi invece vi propongo una ricetta british, di uno chef very british che non è Jamie ma Gordon Ramsey, dal suo libro Great British Pub Food, un libro molto interessante che sto scoprendo piano piano.

Io ho sostituito le uova con uova di quaglia, perciò mini, quindi ho dimezzato le dosi per circa 6 ovette

Mini scotch eggs

 

 

More...

Polpettine alla paprika e il Red Nose Day - Paprika meatballs

27. febbraio 2013 15:04 | Stampa

Letteralmente "La giornata del naso rosso".

No, non sono impazzita! 

Ogni giorno scopro qualcosa in più di questo popolo che ha accolto me e la mia famiglia. Mi sembra quanto meno doveroso.

La settimana scorsa al supermercato, accanto alle casse, trovo questo tipo di oggetto

noses.jpg

Immagine da http://www.bbc.co.uk

E scopro che presto si celebrerà il Red Nose Day. Mi allontano continuando a pensare che gli inglesi sono strani, va bene il Pancake Day, ma il naso rosso....boooo.

Però poi la curiosità mi ha portato ad approfondire. E ho scoperto che in realtà si tratta di una manifestazione nazionale a sostegno del Comic Relief, un'associazione che si occupa di lotta alle carestie e di tutela dei diritti dell'infanzia in circa 70 paesi nel mondo.

Il loro slogan è "Do something funny for money" (Fai qualcosa di divertente per denaro). Io lo trovo meraviglioso come slogan!

Il 15 marzo 2013 sarà d'obbligo, andare a lavoro, a scuola o semplicemente in giro portando un naso rosso. Ora non so se è una cosa reale, e se davvero tutti lo faranno, ma pare che gli inglesi ci credano molto e non vedono l'ora che arrivi questo giorno per passare una giornata allegra e fare anche del bene. Vero è che già iniziano a prepararsi, quindi vi terrò aggiornati e il 15 marzo andrò in giro con la macchina fotografica. 

Magari mi troverò di fronte a scene del genere.

Immagine da http://pradeepamohan.net

Se volete saperne di più vi invito a visitare questo sito

Nel frattempo vi lascio una ricetta semplice e divertente che può andar bene sia come finger che come secondo.

Polpettine alla paprika


More...

Doppio crostino e qualcosa che mi manca - Double crostino

13. febbraio 2013 13:20 | Stampa

Mi piace sperimentare.

Amo provare cose nuove e ora lo sapete anche voi.

Ma ci sono cose che non ho più e che mi mancano.

Ormai lo sapete, sono una "donna di mare" ma il mercato ittico qui non è come il nostro.

Per carità il salmone scozzese è fantastico e il merluzzo davvero saporito ma quanto mi manca una semplice, succosa orata.

Ok. c'è anche qui, ma non ha lo stesso sapore....forse che le gelide acque del mare del nord non sono accoglienti e calde come quelle del nostro mare mediterraneo.

Fatto sta che quest'estate, al mio ritorno in Italia mangerò solo a base di pesce.

Per cui, voi che vi accingete ad accogliermi, sappiatelo!

Oggi doppia ricetta.

 

More...

Bicchierini di mousse al cioccolato bianco e salsa all'arancia

14. dicembre 2012 12:10 | Stampa

Mi sono resa conto che sono 10 giorni che non aggiorno il blog!

Mi dispiace ma è un periodo molto impegnativo per me e, per forza di cose, il blog resta indietro.

Sono appena tornata da una splendida settimana in Inghilterra. La mia nuova vita! Non vedo l'ora di iniziare davvero.

Il bilancio è positivo. Certo, ho un milione di cose, la casa da sistemare, il nuovo quartiere da esplorare e una città splendida, Bath, ancora tutta da scoprire!

Per ora vediamo se riesco a riassumere in pochi punti quello che ho trovato fantastico di questo posto.

1. Il clima

Si, fa freddo! Ma non è uno schifo come mi aspettavo.

Indovinate quante volte ho usato l'ombrello in una settimana....0! E sono uscita tutti i giorni.

Forse sono stata fortunata, ma mio marito, che sta lì da inizio novembre, mi ha confermato che piove pochissimo e spesso ti regala una splendida giornata di sole. 

 

2. Gli inglesi

Forse anche qui sono stata fortunata. Ma girare un nuovo quartiere e notare che la gente ti sorride solo perchè, per caso, hai incrociato il loro sguardo, è davvero incoraggiante.

Chiedere un'informazione ed ottenere tanta gentilezza e disponibilità è grandioso e inaspettato, anche se non parli bene la lingua e forse, in questo caso, sono ancora più disponibili.

Mai paragonare gli inglesi ai londinesi, forse un pò stufi dei tanti turisti, e meno inclini a farsi capire. 

3. L'ordine e il rispetto

Qui, se ci sono due persone alla fermata dell'autobus automaticamente si forma una fila.

Se qualcuno ti urta accidentalmente, anche se così piano che neanche te ne accorgi, parte immediamente il "Sorry", più sorriso of course.

All'aeroporto mia figlia ha letteralmente travolto un ragazzo e la sua valigia solo perchè si trovavano nella sua traiettoria e lui ha chiesto scusa a me e si è spostato!

Tornata a Termini, in un istante mi sono resa conto che è di questo che ho bisogno in questo momento della mia vita.

In realtà non ero neanche scesa a Termini perchè non riuscivo a scendere dal treno per la gente che tentava di salirci.

Immaginate. Io sola, passeggino, bimba di 2 anni con Ciocciobello annesso e valigia e neanche una persona che mi facesse passare! Bastardi! 

Questo in Inghilterra non succederebbe, MAI!

More...


Powered by BlogEngine.NET

Anch'io sono

 

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Convertitore cups/grammi