Il patè....d'animo

15. febbraio 2012 10:50 | Stampa

E' quello che provo io ogni 5 del mese.... ok, metterò da parte i giochi di parole e il facile umorismo....

C’è una prima volta per tutto, ma che ogni prima volta sia legata all’MTC non me l’aspettavo…ho iniziato a settembre a intagliare per la prima volta la frutta, a ottobre ho fatto per la prima volta i bignè, poi ho affrontato il nemico baccalà (pace all’anima sua), in fine sono arrivate le tagliatelle e mò pure il patè….Che poi a me le cose pasticciate neanche mi piacciono molto.

Per fortuna il post di Bucci è molto dettagliato, così come quello di Alessandra, che stavolta ho interpellato anche via mail, così ho potuto affrontare anche questa sfida e devo dire che mi sono pure divertita.

Potevamo scegliere tra carne, pesce o verdure come ingrediente principale, ma ero certa che il mio patè sarebbe stato o di crostacei o di legumi.

Poi ho deciso che il mio sarebbe stato un patè-non patè e così è nato il…

Quasi patè al quasi hummus con polpette di mazzancolle e pane alla zucca con lievito naturale

 

Ingredienti (è stato l'antipasto per 13 persone):

Per il patè all’hummus

500 gr di ceci già lessati (circa 250 gr di ceci secchi)

2 cucchiai di salsa tahini

Il succo di un limone

100 gr di panna acida

cumino

coriandolo

paprika dolce

olio evo

Per le polpette di mazzancolle

500 gr di mazzancolle

Uno scalogno

Un uovo e un albume

80 gr di pane raffermo

Sale

Paprika dolce

Farina

Per il pane alla zucca

150 gr di lievito naturale liquido (sostituibile con 15 gr di lievito di birra)

300 gr di zucca lessata e frullata

600 gr di farina manitoba

2 cucchiai di olio

Sale

Un cucchiaio di zucchero

Semi di sesamo

Preparazione:

Iniziamo dal patè. Mettete a bagno i ceci lavati coperti da un dito d’acqua per una notte.

Lessateli per un’ora in una normale pentola o per mezz’ora dal fischio in pentola a pressione.

Frullate i ceci con il succo di limone, il coriandolo, il cumino, il sale e la salsa tahini.

Apriamo una parentesi…la salsa tahini è una pasta oleosa al sesamo, è molto profumata e conferisce, insieme al limone, il caratteristico sapore all’hummus.

Potreste usare anche dei semi di sesamo tostati al suo posto ma non sarebbe la stessa cosa.Oppure potete farla in casa in questo modo; tostate 40 gr di semi di sesamo per qualche minuto in una padella calda. Pestateli in un mortaio aggiungendo una quantità di olio di semi (è sconsigliato l’olio d’oliva) necessaria a formare una cremina…done!

E un profumo di sesamo invaderà la vostra casa. Questa quantità di salsa è appena sufficiente per questa dose di hummus, ma avercene ancora sarebbe meglio.

Quindi unite la panna acida e amalgamate bene.

Apriamo un’altra parentesi. La panna acida non si trova facilmente, almeno io non la trovo, quindi me la sono fatta in casa, anche perché è semplicissimo.  Ho mescolato insieme 100 gr di panna con 100 gr di yogurt greco, poi ho aggiunto un cucchiaio di succo filtrato di limone e ho lasciato riposare per un’oretta prima di utilizzarla.

Foderate con della pellicola uno stampo (vi aiuterà a sformarlo) e inserite l’impasto del patè a cucchiaiate, pressando bene per non lasciare bolle d’aria. Mettete il patè a riposare in frigo per qualche ora (io l’ho fatto il giorno prima per sicurezza).

 

Una volta sformato, spolverate con la paprika e un filo d’olio d’oliva.

Per spalmare il patè ho preparato  il pane alla zucca per cui mi ci vorrebbe un post a parte. Comunque sarò breve.

Il giorno prima ho tirato fuori dal frigo il mio “blobbino” per un’oretta, poi ho rinfrescato 150 gr di lievito da conservare e un terzo di quello utilizzato per la ricetta (50 gr).

Una volta formata la schiumetta ho tenuto i 150 gr di lievito che mi servivano per il pane e ho conservato il resto in frigorifero.

Ho aggiunto al lievito una quantità di farina tale da avere un impasto morbido ma non appiccicoso e l’ho lasciato lievitare fino al raddoppio…con questo freddo 5 o 6 ore.

Nel frattempo ho lessato la zucca e l’ho frullata.

Una volta lievitato ho ripreso l’impasto e ho aggiunto la polpa della zucca al posto dell’acqua, la farina, il sale, lo zucchero e l’olio e ho impastato fino ad ottenere un impasto bello morbido. L’ho lasciato lievitare tutta la notte.

La mattina ho scaldato il forno a 200°, ho formato una bella pagnotta, l’ho spennellata con un po’ d’acqua per far attaccare meglio i semi di sesamo e l’ho infornata per circa 10 minuti, poi ho abbassato la temperatura a 180° e continuato la cottura per altri 45-50 minuti. La temperatura più alta all’inizio serve a formare la crosticina.

Un minuto di silenzio per l’alveolatura del mio pane.

 

Per le polpette. Pulite le mazzancolle (per ottenere 500 gr di mazzancolle pulite, avrete bisogno di circa 1 kg, 1,1 kg di mazzancolle intere).

Tritate lo scalogo e fatelo appassire in una padella con un filo d’olio, unite le mazzancolle e cuocetele per qualche minuto finchè non cambiano colore (da grigie diventano rosa).

Frullatele e impastatele con il pane che avrete precedentemente spugnato, le uova, il sale e amalgamate perfettamente gli ingredienti.

Formate delle palline leggeremente schiacciate ai poli, infarinatele e friggetele in abbondante olio. Queste erano buonissime!!!

Ho servito  il patè su una fettina di pane e accanto la polpetta di mazzancolle.

 

E questo è per l'MTC di Febbraio

Collage di Patè- mtchallenge febbraio 2012

Comments (17) -

alessandra
15/02/2012 15:15:47 #

...e meno male che avevi dei dubbi!!!
pensa che ne stavamo parlando proprio poco fa: a volte,a  non incoraggiare, si sbaglia. Questo gioco ne è un esempio,con tutte le meraviglie che vengono fuori ogni volta- e spesso da parte di chi o non si è mai cimentato con le ricette della sfida o ha paura di non farcela o, peggio, non si sente all'altezza.
Guarda il tuo patè, per esempio- e gli abbinamenti azzeccati e le diverse consistenze e la presentazione...io faccio una intera novena, per 'sta roba... un minuto di silenzio è troppo poco!
Grazie ancora
ale

Reply

valeria
15/02/2012 20:54:33 #

il dubbio era uscire fuori tema...ma con le tue indicazioni sono andata come un treno...grazie a te!

Reply

loredana
15/02/2012 15:37:37 #

I ceci hanno ispirato anche me, ma questo patè abbinato al pane alla zucca ( che ti copierò!!) e a quelle polpette, mi sembra di-vi-no!!

ciao loredana

Reply

valeria
15/02/2012 20:55:44 #

Si ho visto...ma non ho fatto in tempo a commentare....

Reply

Bucci
15/02/2012 16:13:50 #

Ha ragione Alessandra, altro che minuto di silenzio, qui c’è da restare senza parole! Ti ricordo che solo qualche giorno fa venivi a commentare sotto al mio paté dicendo: “ODDIO!!!! Non prometto niente... mai fatto e neanche mai mangiato il paté”… Beh, e menomale, aggiungo io! Perché se lo mangiassi e lo facessi abitualmente chissà che cosa avresti tirato fuori!! Mi piace tutto, mi piacciono gli accostamenti, mi piace perché è tutto casalingo, tutto frutto delle tue mani e di tanta passione.
Un abbraccio, Bucci

Reply

valeria
15/02/2012 20:58:17 #

io rendo meglio sotto pressione.....grazie mille e, come si dice, di necessità virtu'

Reply

pane&marmellata
15/02/2012 17:53:55 #

carino il tuo blog!!! mi sono unita ai tuoi sostenitori e da oggi ti seguo anch'io!!!! Smile

Reply

valeria
15/02/2012 20:59:11 #

grazie Smile

Reply

Maria
15/02/2012 23:14:47 #

Io non sono proprio in grado di cimentarmi nelle loro sfide...ma a te riesce proprio bene! complimentissimi!

Reply

valeria
16/02/2012 09:42:13 #

Ma  dai, sono sicura che non è vero, ci si diverte solo all'emmetti....io non mi sento mai in competizione, è questo il segreto Wink

Reply

spery
16/02/2012 08:56:06 #

E' tutto fantastico, ma il pane è sublime! Anche l'abbinamento dell'humus con la zucca, direi che è azzeccatissimo!

Buona giornata
Spery di "babà che bontà"

Reply

valeria
16/02/2012 09:42:34 #

Grazie mille!

Reply

mamma papera
19/02/2012 10:08:58 #

ciao la tua proposta è fantastica, io stavo pensando ai gamberi e poi vedo i tuoi mitica
e brava per l'abbinamento conn i ceci non ci avrei mai pensato

Reply

valeria
20/02/2012 18:18:34 #

Per me gamberi e ceci è un classico....prova perchè è fantastico quest'abbinamento.

Reply

Mapi
20/02/2012 16:42:00 #

Ragazzi, che roba!!!! E meno male che è un quasi patè: se fosse stato un vero paté, che cosa ci avresti servito? Mandane qua una bella porzione, va! :-9

Reply

valeria
20/02/2012 18:19:01 #

ahahahah...grazie mille!

Reply

la gaia celiaca
05/12/2013 16:09:18 #

e l'ho rifatto davvero! in diretta dal libro!
buonissimo!
e guarda che sono una starbooker, una fleas' makers di prim'ordine Smile

Reply

Pingbacks and trackbacks (1)+

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading

L'immagine può contenere: sMS

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Anch'io sono

 

Convertitore cups/grammi

Le ceramiche utilizzate in questo blog sono una produzione artigianale "I Cocci" www.icocci.org

 

I consigli della nutrizionista

Ricette per mese