Linguine con scarola e colatura di alici di Cetara

17. maggio 2012 13:56 | Stampa

"Ma che fortuna che hai, tua figlia mangia tuuuuttoooo!

"Ah, magari anche mio figlio mangiasse come lei!"

Le ultime parole famose!

Io non sono superstiziosa, però.....insomma, sono napoletana no...un pò ce l'ho nel DNA.

A Napoli si dice: "Ponn cchiù l'oucchie ca e scuppettate" Cioè, l'invidia può far male più delle fucilate! Quanto sono vere queste parole?

Insomma, è circa un mese che mia figlia ha iniziato a non mangiare alcune cose, poi ha iniziato a rifiutare anche quello che prima le piaceva; infine, da qualche giorno, si nutrirebbe solo di biscotti e polpette e io inizio a dare segni di insofferenza. 

Sarà un periodo. Si, forse passerà....nel frattempo tra me e lei è guerra! Lei rifiuta tutto quello che le propongo ed io le tolgo i generi di conforto...per ora lei è in vantaggio però sto pensando di cambiare tattica. Se non mangia quello che le propongo io, allora non mangerà affatto.....non si lascerà morire di fame, spero.....

 

Ma passiamo alla ricetta che sennò mi infervoro di nuovo.....

Vi ho parlato già della colatura di alici qui: Oggi vi propongo un primo molto semplice e davvero delizioso.

 

 

Ingredienti per 2 persone:

200 gr di scarola

30 gr di olive nere denocciolate

20 gr di capperi dissalati

olio extravergine d'oliva

uno spicchio d'aglio

2 cucchiai di colatura di alici

180 gr di linguine Garofalo 

Preparazione:

Lavate le foglie di scarola sotto l'acqua corrente una ad una. Portate ed ebollizione dell'acqua non salata, tuffateci le foglie di scarola e fatele cuocere 5 minuti circa. Scolatele e passatele sotto l'acqua, poi tritatele grossolanamente con un coltello. 

In una padella ampia fate imbiondire uno spicchio d'aglio in un paio di cucchiai d'olio. A proposito, non dirò più olio evo, perchè mio marito mi ha cazziato che inizio a non farmi più capire quando scrivo, quindi dirò sempre olio extravergine d'oliva.

Aggiungete quindi la scarola, le olive e i capperi. Non salate, perchè ci sono i capperi e poi aggiungerete anche la colatura che è abbastanza salata.

Nel frattempo lessate la pasta secondo i tempi di cottura indicati dalla confezione meno 1 o 2 minuti, se vi piace più al dente, perchè finirà di cuocere in padella.

Io ho scelto le linguine perchè credo che ci stiano meglio, ma potete usare anche un altro tipo di pasta lunga.

Scolate la pasta al dente e versate in padella, aggiungete la colatura di alici e mantecate per un minuto.

Buona appetito!

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Fior di Rosmarino in collaborazione con Pavoni

 

Comments (5) -

isaporidelmediterraneo.blogspot.com
17/05/2012 14:50:42 #

Bellissima ricetta VAleria, originale nella sua napoletanità, come il detto da te citato.
A presto

Reply

gueirno
17/05/2012 14:56:26 #

ciao Valeria,
mi dispiace che tua figlia rifiuti tanta bontà ma stai tranquilla che la tua tattica ti darà successo.
di a tuo marito che nel linguaggio food è molto appropriata la denominazione EVO senza dubbi interpretativi con gli Evi  quelli sono folletti.
Complimenti per la fantasia hai trasformato la nostra pizza di scarole in un primo piatto .
vai alla grande  
ciao Guerino

Reply

imma
17/05/2012 17:33:34 #

Guarda da napoletana come te concordoSmile ma credimi i bambini fanno sempre cosi anche i miei hanno questi periodi di rifiuto al cibo, vedrai che sia appassionerà ad altro..io mi sono imvece appassionata a questo piattto....che delizia che è!!!!bacioni,Imma

Reply

federica
17/05/2012 17:52:14 #

un piatto davvero invitante! beh guarda pensa che mia figlia assaggia molto raramente i miei dolci!!!tempo al tempo, vedrai che cambiano!!Baciiiiiii

Reply

donatella
28/05/2012 16:21:38 #

Bella ricetta...grazie per aver pensato al mio contest. Baci

Reply

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading


Powered by BlogEngine.NET

Anch'io sono

 

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Convertitore cups/grammi