Canederli alle scorze di parmigiano in brodo di agnello

21. gennaio 2015 16:49 | Stampa

Buon anno!!!

Si lo so che siamo a fine gennaio, ma ecco, questo é comunque il primo post dell'anno e quindi....

Il mio anno inizia con l'MTC. Anche se la mia vita ormai sta prendendo le distanze da questo blog, distanze che si allargano sempre di piú, l'MTC é l'appuntamento a cui non riesco proprio a rinunciare.

Soprattutto questo mese non potevo perdermi l'occasione di provare una ricetta mai fatta né tanto meno assaggiata.

Ho sempre sentito parlare dei canederli ma la cucina del "Norde" mi é sconosciuta visto che la mia cucina ormai é "british-terrona" (tanto anche qui vivo al Sud, per cui sempre terrona sono).

Cosí, grazie a Monica, la vincitrice di questo mese, ho avuto quest'occasione ed eccomi qui.

Una ricetta di recupero, una ricetta povera, di casa, amo le ricette cosí.

Della ricetta di Monica ho cambiato poco, li ho lasciati al formaggio prediligendo formaggi locali.

Pensando all'idea di recuperare il pane raffermo ho pensato subito ad un'altra cosa che a casa che a casa mia non si butta MAI, le scorze di parmigiano.

Di solito le metto nelle zuppe, nel minestrone, nella pasta e patate, preparazioni a fuoco lento, che hanno il tempo per ammorbidirle ma stavolta questo tempo non c'era per cui ho pensato di tenerle in ammollo per un pó nel latte che poi avrei usato per i canederli in modo che anche quello si insaporisse.

Il pane l'ho fatto in casa perché volevo che si armonizzasse anche quello con il resto della ricetta per cui ho scelto di aromattizzarlo al miele e rosmarino, un'accoppiata sempre vincente con i formaggi.

Per il brodo ho scelto un sapore deciso ma non troppo pesante, dal gusto inusuale, ma non per me. Faccio spesso il brodo di agnello, lo uso al posto di quello di pollo che proprio non mi piace, ed ho utilizzato un piccolo stinco.

Pane al miele al rosmarino

500 g di farina 0

10 g di sale

20 g di burro ammorbidito

320 g di acqua

90 g di licoli

un cucchiaio como di miele

un rametto di rosmarino

Portate ad ebollizione l'acqua con il rosmarino, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare completamente poi eliminate il rosmarino e filtrate.

Setacciate la farina in una larga ciotola, aggiungete il sale da un lato, fate la fontana ed al centro versate il licoli, il miele e tre quarti dell'acqua. Iniziate ad impastare ed infine aggiungete il burro e il resto dell'acqua un pó per volta.

Impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo e soffice.

Mettete a lievitare in una ciotola unta d'olio fino al raddoppio (circa 6 ore).

Sulla spianatoia infarinata date un giro di pieghe e puntate l'impasto, date la forma che preferite e lasciate lievitare nella teglia per altre 3 o 4 ore.

Portate il forno a 220 gradi C e mettete un pentolino con dell'acqua sul fondo del forno per creare l'umiditá necessaria a mantenere la crosta morbida ed infornate.

Fate cuocere per 15 minuti poi abbassate la temperatura a 190 e fate cuocere un'altra mezz'ora.

 

Brodo di agnello

Uno stinco di agnello da circa 300 g

una cipolla

un gambo di sedano

una carota e le sue foglie

gambi di prezzemolo

un piccolo porro

salvia, timo e rosmarino

chiodi di garofano

pepe in grani

sale

un filo d'olio evo

3 litri d'acqua

Con queste dosi ho ottenuto circa 2 litri di brodo che ho usato anche per altre preparazioni.

In un padellino scaldate un filo d'olio e fate abbrustolire la cipolla con la buccia da entrambi i lati.

Nel frattempo tagliate le verdure e mettetele in una pentola capiente insieme allo stinco d'agnello.

Preparate un mazzetto aromatico avvolgendo il timo, la salvia e il rosmarino in una foglia esterna del porro e legate con spago da cucina, aggiungete alla pentola insieme con le spezie e la cipolla abbrustolita. Coprite con l'acqua fredda e portate ad ebollizione.

Lasciate cuocere un paio d'ore.

Eliminte la carne che potrete tagliare a straccetti e mangiare all'insalata con pomodori, lattuga, sottaceti e quello che piú vi piace e filtrate il brodo.

 

Canederli

200 g di pane al miele e rosmarino raffermo

100 ml di latte piú un altro pó

1 uovo

70 g di scorze di parmigiano

50 g di altro formaggio a pasta semidura e media stagionatura (io ho scelto formaggi locali, un Vintage Cheddar del Somerset e un Red Fox dal bel colore arancione)

1 cucchiaio di farina

pepe bianco

salvia, timo e rosmarino tritati

il sale non é necessario

 

Per prima cosa preparate le scorze di parmigiano. Lavatele e raschiate la parte esterna con il marchio con un coltello, poi immergetele nel latte e lasciatele ammorbidire per qualche ora in frigorifero (io tutta la notte).

Una volta ammorbidite, tiratele via dal latte, asciugatele e grattugiatele.

Controllate il livello del latte, le scorze dovrebbero averne assobito un pó, ed aggiungete altro latte per averne di nuovo 100 ml.

Tagliate il pane a cubetti di max 1cm, mettetelo in una ciotola con il latte e l'uovo mescolati e a temperatura ambiente.

Lasciate riposare per almeno 20 minuti mescolando di tanto in tanto. Quindi aggiungete i formaggi grattugiati, le spezie e mescolate velocemente.

Aggiungete il cucchiaio di farina e lavorate compattando con le mani.

A questo punto formate delle palline di circa 4 cm di diametro e cuocete nel brodo sobbollente per circa 5 minuti.

 

Con questa ricetta partecipo all'MTC di gennaio

gli sfidanti

Comments (4) -

elena
22/01/2015 14:39:05 #

perchè ti allontani dal blog? e no! non è valido!!! so che hai tanto da fare, ma un post ogni tanto ce lo devi promettere.... come questo per esempio un piatto fantastico nato dal riciclo, ma che viene voglia di far seccare forzatamente il pane e togliere la crosta del formaggio per provarlo...
e quel pane? stai sicura che lo provo di certo....
mi raccomando tieni duro!!!
un bacione a te e ai tuoi cuccioli!!!

Reply

Monica
23/01/2015 09:45:20 #

Ci sono due elementi che mi interessano molto: il recupero delle scorze di parmigiano, che hanno un sapore marcato, ed il brodo, anch'esso saporito, con l'agnello.
Nonostante tu voglia seguire la ricetta base, con le tue giuste variazioni dei formaggi in base alla località, fai due guizzi di colore niente male, che pesano molto sull'aroma finale, anche grazie al pane homemade con miele e rosmarino.
Brava.

Reply

Saparunda
23/01/2015 13:41:10 #

Ultimamente mi capita spesso di scriverlo, forse proprio perché ho sentito diverse blogger che si vogliono allontanare dal proprio blog.
Io penso di essere stata una delle prime, a parte rare eccezioni (vedi promozione dei libri e una o due ricette in questo ultimo anno) io pubblico solo per partecipare all'MTC, altrimenti avrei chiuso.
Sarà la mancanza di tempo, la voglia che non c'è più di mettersi a cucinare, impiattare, fotografare per il blog non dico ogni giorno ma quasi... non lo so, però mi sembrava che ciò che cucinavo perdeva il suo significato primario e diventava mera "pubblicità" per il blog. Boh...

Comunque, la tua ricetta è fantastica a partire dal pane che appena posso lo proverò!!!

Reply

veronica
26/01/2015 08:47:05 #

arianna ti ha risposto prima di me .....siamo in tante a non sentir più lo stimolo secondo me sono due i problemi uno più importante uno meno : il primo è secondo me questa crisi generale che ti toglie anche il respiro e te lo dico io con una pizzeria con tutti prodotti fatti in casa che nessuno apprezza più
l'altro motivo è questa corsa a fare la ricetta migliore il miglior blog senza pensare alla ricetta in se per se ,l'unico posto dove non si nota tutto cio' è davvero l'mtc ....percio' almeno una ricetta ogni tanto la devi postare ,come questa ricette vere di casa con un profumo di pane cosi che fai non lo condividi con noi ?

Reply

Pingbacks and trackbacks (1)+

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading


Powered by BlogEngine.NET

Anch'io sono

 

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Convertitore cups/grammi