Panini tartaruga e burgers di salmone per The Recipetionist

25. aprile 2015 08:22 | Stampa

Fino ai due anni Giulia mangiava di tutto senza problemi. Destava l'invidia di tutte le mamme che la vedevano mangiare e tutte lí a dirmi quanto fossi fortunata.

Poi é cambiata.

Ha iniziato a selezionare il cibo, a scegliere cosa le piace e cosa no (che é la maggior parte delle cose) ed a non voler piú provare cose nuove.

Ora dividiamo il cibo per colore. Lei non magia la pasta al pomodoro, per dire, lei mangia la pasta red. Assolutamente vietati i colori green e brown.

In piú non ama le diverse consistenze per cui devo frullarle tutto come quando ha iniziato lo svezzamento che, finché Ale era piccino, poco male, tanto mi toccava farlo anche per lui, ma ora che é cresciuto e che mangerebbe tutto ció che mangiamo anche noi, mi tocca fare ancora i frullati.

Insomma, farla mangiare é un guaio!

Ovviamente una delle cose piú complicate da farle mangiare é il pesce.

Ultimamente ha scoperto che le piace il salmone, qui é freschissimo e buonissimo sempre dato che viene dalla vicina Scozia il piu delle volte. Peró, anche lei si stufa di mangiarlo cosí, almeno 2 volte a settimana, cosí ogni volta devo invetarmi qualcosa.

Stavolta mi é stata d'aiuto Cristiana e la sua fantastica ricetta che ho copiato per The Recepetionist e ci siamo divertite a fare i panini a forma di tartaruga, naturalmente omettendo gli spinaci perché il green é un colore vietato.

Ho aggiunto solo un pó di germe di grano nei panini al posto degli spinaci cambiando un pó la proporzione dei liquidi ed ho usato acini di pepe al posto dei chiodi di garofano per fare gli occhi delle tartarughe.

Mi sono inoltre divertita a decorare le tartarughe con semi di zucca, visto che le mie non erano verdi.

 

Per i panini tartaruga.

 

400 g di farina 0

50 g di germe di grano

210 ml di latte intero

4 g di lievito di birra liofilizzato

20 g di olio extra vergine di oliva

1 cucchiaio di zucchero 

10 g di sale

acini di pepe per fare gli occhi

semi di zucca per fare il carapace

 

Sciogliere il lievito nel latte con lo zucchero. Aggiungere la farina, il germe di grano, l'olio, e il sale. 

Lavorare il composto su un piano fino a formare un impasto ben omogeneo. 

Lasciar riposare in una terrina coperto con pellicola fino al raddoppio.

Riprendere l'impasto. Ottenere delle sfere da circa 75 g. Con altri pezzetti di pasta, che andranno attaccati alla sfera centrale, andate a formare la testa, le zampe e la coda di una tartaruga. Per ottenere gli occhi utilizzare il pepe e ricoprite con i semi di zucca. Lasciarle riposare su una teglia rivestita da carta forno per un'ora circa.

Infornare a 200° per 13-15 minuti.

 

 

Per i burgers di salmone.

 

500 g di salmone fresco

1 uovo

mollica di 4 fette di pane raffermo

prezzemolo (omesso)

sale

scorza di limone

pan grattato

olio extra vergine di oliva per la cottura

 

 Tritare il salmone nel mixer, aggiungervi l'uovo,  la scorza di limone grattugiata e la mollica del pane (se fosse troppo dura ammollare per qualche minuto in acqua e strizzarla prima di usarla). Aggiustare di sale.

Con il composto formare dei burgers e ripassarli nel pangrattato.

Cuocerli in una padella antiaderente con un filo d'olio extra vergine di oliva da entrambe i lati.

Completare l'hamburger con delle foglie di lattuga e dei pomodori. 

 

Con questa ricetta partecipo al The Recipetionist di aprile

Le vostre ricette di Aprile

Comments (2) -

flavia
25/04/2015 18:42:46 #

Sta cosa della cucina a colori ( e in inglese) mi fa impazzire!! Immagino Giulia che mangia i frullati...e Alessandro che mastica tutto a quattro ganasce!!! Bellissimi i panini tartaruga e favolosi i bruger fatti con del vero e buon salmone!!!! Ma a casa tua mangerei la cucina di tutti i colori.... un bacione, Flavia

Reply

cristiana
27/04/2015 17:22:45 #

Sono molto più perfida e soprattutto meno paziente di te: della serie "o mangi quello che ti propino o crepi!", ma devo dire che i piccoli maschi mi hanno reso la vita facile...la più rompi la femmina che va avanti a pane e dolci. Grazie mille x aver partecipato cri

Reply

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading


Powered by BlogEngine.NET

Anch'io sono

 

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Convertitore cups/grammi