Crab burger con remoulade al coriandolo e beer battered onion rings

15. giugno 2015 15:20 | Stampa

Abbiamo comprato casa. Un'altra volta!

Si, lo so che si dovrebbe imparare dagli errori passati ma abbiamo pensato che magari cambiando paese la cosa sarebbe andata meglio.

Il problema é che gli inglesi sono precisi. O meglio pignoli. E siamo andati un pó lunghi arrivando quasi alla data di partenza per il rientro in Italia.

Quindi avremo 15 giorni per tinteggiare, cambiare i pavimenti, far consegnare letti ed elettrodomestici, pulire, traslocare e naturalmente preparare le valigie per le vacanze.

La cosa positiva é che per comprare casa qui non c'é bisogno del notaio. Tutto il passaggio di carte avviene via posta e per l'atto non devi andare in nessun ufficio ma restare comodamente a casa tua.

Loro ti mandano l'atto, tu lo firmi, poi fanno i controlli ed alla fine ci mettono la data.

Il problema sono i controlli. Perché qui, se c'é qualcosa che  non va, gli avvocati che si sono occupati della pratica, sono direttamente responsabili.

Per cui, nei mesi precedenti, ci siamo ritrovati a leggere rapporti sulle miniere di carbone dell'800 (non sto scherzando), pagine e pagine di esercizi commerciali potenzialmente pericolosi nel raggio di un chilometro, come il fotografo, la lavanderia a secco o addirittura il parrucchiere (di nuovo, non sto scherzando).

Abbiamo aspettato piú di un mese la certificazione delle finestre che chiunque puó richiedere on line inserendo semplicemente l'indirizzo.

Da un lato é confortante perché siamo tranquilli che, almeno grandi problemi non ce ne saranno, peró é anche avvilente perché, vi assicuro che una cosa é parlare di "flemma inglese" ed un'altra e averci a che fare. Soprattutto quando sei abituato a fare le cose "all'italiana".

Tutto questo per dire che ho sempre meno tempo ma per l'MTC lo trovo sempre, soprattutto quando a vincere é Arianna, una di quelle che ad ogni edizione mi fa sbavare davanti al pc.

Devo dire che io non sono una grande amante dei burgers. Cerco di limitare il consumo di carne e se devo mangiarla preferisco una bistecca.

Peró l'idea di creare un insieme armonioso con bun, salsa, ripieno e contorno mi ha stimolato tantissimo e ho tentato di fare qualcosa di un pó piú particolare.

Da qui nascono i miei buns fuxia, i miei burgers al granchio.

Il sapore é molto intenso e si sposa bene con la dolcezza della barbabietola dei buns, che ho deciso di arrostire anzicché bollire per esaltarne ancora di piú il sapore.

Beet Buns

Ingredienti:

 

1 barbabietola media arrostita per 2 ore in forno a 180 gradi 

200 g di farina forte 

50 g di farina di segale 

5 g di sale 

3 g di lievito disisdratato 

10 g di zucchero 

25 g di burro 

1 cucchiaino di miele 


Preparazione:

Lavate ed asciugate la barbabietola, ungetela con poco olio, avvolgetela in un foglio di alluminio e fatela cuocere in forno a 180 gradi C per circa 2 ore. Quindi lasciatela raffreddare e schiacciatela con una forchetta fino ad ottenere una purea.

Intiepidire il latte, scioglierci il lievito con il miele e lasciar riposare per una decina di minuti. In una boule di vetro capiente setacciare la farina, formare una fontana, versare il latte poco per volta e lasciarlo assorbire mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungere lo strutto ed il burro a temperatura ambiente, la barbabietola,  il sale e lo zucchero. Impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeno.

 

Coprire con della pellicola e un panno e lasciar lievitare fino al raddoppio (1-2 ore). Prendere l'impasto,sgonfiarlo leggermente cercando di formare un rettangolo che poi piegherete (più o meno come un asciugamano): dividetelo idealmente in tre parti, sovrapponete la parte di destra al centro ed idem con la sinistra (al centro, sopra la destra). Ora rigirate di 90° e fate lo stesso.

Far riposare così l'impasto, con la chiave (la parte della piega) rivolta verso il basso e coperto da un panno per una mezz'oretta. Formare poi i buns (con queste dosi mi vengono 4 panini da circa 80-90 g l'uno). Poggiarli su una teglia coperta da carta da forno e con il palmo della mano schiacciarli leggermente.

 

Far riposare coperti da pellicola per una mezz'oretta.

 

Per la cottura dei buns:


1 uovo

un goccio di latte (per chi non può per questioni di dieta/religione/intolleranze si può omettere)

Semi di nigella


Accendere il forno a 180°C.

Sbattere in un ciotolino l'uovo con il latte.

Togliere la pellicola e spennellare la superficie dei buns con il composto di uova e latte. Spolverizzare con i semi di nigella e quando il forno raggiunge temperatura infornare e cuocere fino a doratura, circa 20 minuti.

 

Sfornare e lasciar asciugare su una gratella.


Per i crab burgers:


Ingredienti:

350 g circa di polpa di granchio

un cucchiaino di maionese

un tuorlo d'uovo

due o tre cucchiai di pangrattato (per asciugare l'impasto)

coriandolo

sale al peperoncino macinato al momento


Procedimento:

E' chiaro che  probabilmente il vostro pescivendolo potrá procurarvi la polpa di granchio giá bella e pronta ma se vi piace l'avventura continuate a leggere.

Se non ve la sentite di ammazzare il granchio voi stessi (come me) potete comprarlo congelato.

Mettete a bollire una quantitá d'acqua in grado di coprire completamente il granchio quindi mettetelo nella pentola coperto.

Lasciate cuocere fino a che la corazza diventa rossa, ci vorranno circa 6-7 minuti.

Togliete il granchio dall'acqua e lasciatelo raffreddare.

Torcetegli le zampe per staccarle ed estraete la polpa con un uncinetto o una pinzetta.

Rompete le chele con uno schiaccianoci cercando di non danneggiare la polpa, quindi estraetela con le mani.

Rompete la corazza con i pollici con il granchio rivolto di "pancia" verso di voi, quindi staccate il corpo dalla corazza ed eliminate le branchie laterali che non sono commestibili.

Aprite il corpo a metá con un coltello ed estraete la polpa chiara con un cucchiaino. Allo stesso modo raschiate la polpa scura dalla corazza.

Mettete tutto in una ciotola, aggiungete gli altri ingredienti, mescolate per amalgamare e formate due burgers.

Lasciateli riposare in frigo per 2 ore circa o in congelatore per almeno mezz'ora.

 

Per la remoulade al coriandolo

Ingredienti:

Un bicchiere di maionese

4 cetriolini

un cucchiaio di capperi

una manciata di coriandolo fresco tritato

 

Procedimento:

Tritare tutti gli ingredienti ed uniteli alla maionese, mescolate.

Per la maionese. In una ciotola mescolate due tuorli con un cucchiaino di senape ed un pizzico di sale. Scaldate 125 ml di olio di semi fino a 100 gradi circa ed iniziate ad aggiungerlo ai tuorli,  prima qualche goccia poi a filo, sempre mescolando. Questo procedimento serve a pastorizzare le uova, evitando il rischio di salmonella e per conservare la maionese piú a lungo.

Aggiungete, sempre a filo, altri 125 g di olio ed infine due cucchiai di aceto o di limone.

 

Per le onion rings

Ingredienti:

2 grosse cipolle rosse

125 g di farina

125 ml di birra

un pizzico di sale

farina per spolverare

abbondante olio di semi per friggere

Procedimento:

Tagliate le cipolle a rondelle larghe circa 1/2 cm e ricavate degli anelli.

Mescolate la farina con la birra ed il sale. Dovete ottenere un impasto della consistenza dello yogurt greco per intenderci.

Spolverate le cipolle con la farina in modo che l'impasto si attacchi meglio, quindi immergetele nell'impasto e quindi nell'olio ben caldo, circa 170 gradi.

Scolate l'olio in eccesso su carta assorbente appena risulteranno ben dorate.

 

Per comporre il panino

Mezzo avocado

qualche foglia di insalata

un cucchiaio di succo di limone

Spruzzate l'avocado tagliato a fettine con il limone ed unitelo all'insalata.

Cuocete il crab burger in una padella antiaderente ben calda un paio di minuti per lato. 

Tagliate il bun a metá e tostatelo leggermente nella padella

Quindi formate il panino. Su metá bun mettete prima l'insalata di avocado, poi il burger, poi la salsa ed infine coprite con l'altra metá del bun e servite con le onion rings ben calde ed altra salsa.

 

Con questa ricetta partecipo all'MTC no 49

gli sfidanti

 

Comments (10) -

Angela
16/06/2015 08:27:57 #

Oh, com ero curiosa di vedere questi hamburger fucsia!!!
Mai avrei pensato al granchio e invece, ora che lo vedo, mi sembra un abbinamento perfetto!
Brava e in bocca al lupo per la casa.
Ah.. Attenta ai fotografi.. Quelli sono i peggio di tutti ahahahahah

Reply

Patty
16/06/2015 08:28:10 #

Io lo so che tu hai preso ispirazione dai Crabby Patties di Spongebob! Di la verità!
In ogni caso sono ipnotizzata davanti a quei panini fucsia tranne che poi farmi scappare un filo di bava fissando quella polpetta di granchio che io mi sogno, perchè da noi i granchi sono rari come i diamanti.
Sulla questione trasloco, evito ogni discorso perchè ne ho subiti tanti in vita mia.
Preferisco concentrarmi sulla meraviglia che hai tirato fuori, che è anche bellissima e divertente a vedersi. Un forte abbraccio e coraggio!
PAt

Reply

FedeB
16/06/2015 09:09:44 #

Ma complimenti per il nuovo acquisto!!!! Bravi per la pazienza e in bocca al lupo per questi 15 giorni di fuoco che vi aspettano Smile
sai che non ho mai mai mai mangiato un hamburger di granchio in vita mia?? Ma neanche una polpetta, niente! Mi hai messo una voglia di provarlo che non ti dico!!!!
Che fiko che è l'hamburger con le chele Laughing

Reply

Saparunda
16/06/2015 11:17:03 #

Innanzi tutto complimenti per l'acquisto e auguriiii!!!
Ci sono passata la scorsa estate (come hai scrito tu con tutta la trafila del notaio, atto di vendita, le proposte...abbiamo iniziato a febbraio per concludere l'ultimo giorno di giugno, t'ho detto tutto!! Laughing ). Comunque, dicevo, ho passato l'estate a lavorare la mattina, tornavo poco dopo pranzo, pulivo la casa dove eravamo in affitto perché nel pomeriggio sarebbe venuta gente a vederla, poi andavo nella casa nuova dove fervevano i lavori, aiutavo in quello che potevo, poi pulivo il pulibile, tornavo nella casa in affitto (verso le 7 di sera) mentre mio marito finiva di sistemare e mettere in ordine gli attrezzi, preparavo la cena e il pranzo del giorno dopo, poi ritornavo nella casa nuova e pulivo le scale condominiali e l'androne che inevitabilmente si sporcava. Ritornavamo a casa insieme, doccia veloce, cenavamo e crollavamo. Non mi vergogno a dire che è capitato che lasciassi i piatti nel lavandino (non avevo la lavastoviglie).
E penso che in tutto questo non so se sarei riuscita a fare un hamburger.
Tu invece crei meraviglie. Ma come fai? Anche solo a pensare un hamburger di granchio!!! Mammasantissima!!
E descrivi la ricetta  che potrebbe essere tratta benissimo da un film splatter di Tarantino come se nulla fosse... con una manualità che ti invidio. Io povero granchio lo avrei torturato! Ora però ho il pallino di provarci seguendo le tue dritte.
Mi piace da morire l'idea di utilizzare la polpa del granchio per un hamburger e non immagini quanto farai felice mio marito quando tornerà da lavoro e lo vedrà, dato che si sta leggendo tutte le vostre ricette! I buns rosa sono deliziosi e perfettamente lievitati...e la reomulade!!! Oh quella remoulade!!! Sai che pensavo che riscaldando l'olio non si sarebbe montata la maionese??? Hai dato una svolta alla mia produzione di maionese compulsiva, sallo!!!
Grazie mille, Vale! Ricetta splendita!

Reply

Valeria
17/06/2015 09:19:28 #

Devo confessare che lo spolpamento del granchio é arte di mio marito. Ha fatto pratica in Cornovglia e da allora lo lascio fare sempre a lui Tong

Reply

Mariella
16/06/2015 11:54:32 #

Il bun fuxia è bellissimo! E la polpa di granchio mi piace da matti, anche se solo una volta in vita mia ho avuto occasione di mangiare una granzeola, perchè,come ben sai, da noi, il granchio non si trova. A parte quella schifezza chiamata surimi, che viene spacciata come polpa di granchio...

Reply

TataNora
16/06/2015 13:36:15 #

Io tutta la tua pazienza non ce l'ho, e dire che a me la polpa di granchio piace tantissimo!
Direi che meriti la vittoria senza se e senza ma non solo per l'idea (GENIALE) ma per l'abbinamento di colori e sapori che hai saputo ricreare.
Grandissima!
Nora

Reply

flavia
16/06/2015 14:29:56 #

...... non oso pensare ai tuoi prossimi 15 giorni...però penso a quando tornerai dalle vacanze e sarai nella tua casa nuova.... e ti toccherà preparare la sfida prossima di settembre..... sei secondo tra i papabili al podio!!!! Congratulazioni per la casa e in bocca al lupo per tutto :*

Reply

Helga
17/06/2015 19:09:00 #

Appena ho visto la foto su FB, mi ha subito colpito, solo che non ce l'ho fatta a commentare subito, perchè sono stata male. Ci tenevo a passare da te, per tanti motivi ... innanzitutto la foto è spiritosissima, mi piace il burger fucsia, a base di granchio, con l'aspetto di un granchio e poi hai fatto gli anelli di cipolla (io non mi ci provo neanche). Bravissima! E poi anche se non passo sempre sei nel mio cuore, per le tue origini, che sono anche le mie e che mi fanno sentire a casa, perchè ringrazio sempre Dio per avere sangue napoletano, per aver ereditato quell'ironia che ci accomuna e che fa andare avanti nonostante le difficoltà. Grazie Valeria, auguroni per la nuova casa (scatta poi qualche foto) e mi spiace solo di non essere vicina per poterti dare una mano e ... buone vacanze!

Reply

Paola
21/06/2015 13:37:47 #

Sarei curiosa di sapere che pericolosità rappresentano un fotografo, un parrucchiere e una lavanderia a secco (che sembrano l'incipit di una barzelletta Smile. Intanto che me lo spieghi o spiegano mi prendo un panino. Mi piace tantissimo il colore del bun.. e come lo hai presentato lo trovo divertentissimo, con quelle chele di lato Laughing Somiglia davvero a un granchio Laughing

Reply

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading


Powered by BlogEngine.NET

Anch'io sono

 

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Convertitore cups/grammi