MTC's cool: ultima ricetta prima della partenza

8. giugno 2018 14:03 | Stampa

Anche se, grazie alle ie tortille, sono giá dentro la classe della scuola di cucina piú cool del web, non ho potuto resistere alla tentazione di partecipare all'ultima gara per la selezione.

Prima di tutto perché é una figata.

La Mistery Cloche, una lista di ingredienti definita, una piccola dispenza a disposizione, per creare un piatto originale.

mysterycloche_OK

 

Anche se il destino non é stato a mio favore mi sono divertita tantissimo ed ho scoperto un abbinamento che non abbandoneró mai piú. La vaniglia con il pesce si sposa divinamente.

Quanto al destino, avevo programmato la ricetta come starter speciale per la cena del nostro anniversario di matrimonio. E cosí é andata, salvo poi che é rimasto lo starter ed il main perché non ho avuto il tempo di cucinare nient'altro, salvo poi essere il primo giorno in cui avevo i pittori in casa, salvo poi mio marito con 39 di febbre, salvo poi frullatore ad immersione che mi si rompe mentre monto la maionese.

Ma non demordo e questa é la mia proposta.

Prima di darvi la ricetta, una nota.

Il mio ingrediente principale era la triglia, ma qui in Inghilterra le triglie hanno le dimensioni di una spigola. La mia pesava oltre mezzo chilo. Quindi, come starter per 2 persone, mi bastava. In Italia le triglie sono molto piú piccole, quindi avrete bisogno di una triglia piuttosto grande a persona.

Filetto di triglia con cialda di riso nero alla vaniglia, maionese alla fragola e pesto di pistacchi.   

 

 

Ingredienti per 2 persone:

1 triglia grande o 2 medie, calcolate circa 150g di filetto giá pulito a testa

Olio extravergine d'oliva

sale e pepe

 

Per il brodo di triglia alla vaniglia

La testa e le le lische della triglia

mezza cipolla

una costa di sedano

una carota

una stecca di vaniglia

un rametto di timo

1,5 l di acqua

 

Per le cialde di riso nero alla vaniglia

100 g di risotto nero alla vaniglia avanzato

 

Per il risotto nero alla vaniglia

200 g di riso nero selvaggio

circa 800 ml di brodo alla vaniglia

mezza cipolla

1/2 bicchiere di vino bianco

30 g di burro

 

Per la maionese alle fragole (Ricetta di Moreno Cedroni o quasi)

2 tuorli

50 g di fragole frullate

50 g di olio di semi

un cucchiaio di succo di limone

sale e pepe

 

Per il pesto di pistacchi

60 g di pistacchi sgusciati

qualche foglia di basilico

uno spicchio d'aglio sbucciato, senz'anima e tritato

olio extravergine d'oliva quanto basta

sale

 

Si comincia dal brodo.

Sfilettate la triglia e mettete i filetti da parte.

Mettete la lisca e la testa, insieme a tutti gli ingredienti, in una pentola e portate a bollore. Lasciate sobbollire fino a che il brodo non si é ridotto a circa metá.

Preparate la maionese. Mettete le fragole frullate, i tuorli e il succo del limone in una ciotola dai bordi alti e stretti e iniziate a montare con il frullatore a immersione. Versate a filo l'olio continuando a montare e facendo movimenti dal basso verso l'alto. Dopo un paio di minuti vedrete che inizierá a prendere la consistenza della maionese. Montate fino a raggiungere la consistenza desiderata.

Nel mio caso, il mio frullatore di é rotto mentre montavo per cui mi sono dovuta fermare ad una consistenza piuttosto liquida sebbene montata. Ho ovviato al problema spennellando la maionese sui bordi del piatto e con una cucchiaiata al centro a reggere la cialda.

Preparate adesso il pesto di pistacchi. Versate tutti gli ingredienti nel bicchiere del frullatore ad immersione e frullate aggiungendo tanto olio quanto basta a formare una crema.

Preparate un risotto facendo imbiondire la cipolla tritata in 20 g di burro, versate il riso e fatelo brillare mescolando. Alzate la fiamma e sfumate con il vino bianco quindi abbassate la fiamma e continuate la cottura come un normale risotto aggiungendo brodo man mano che viene assorbito in cottura.

QUesto tipo di riso richiede una lunga cottura, circa mezz'ora, e resterá comunque croccante ed al dente.

A fine cottura, togliete dal fuoco, aggiungete i 10 g di burro rimasto e fate mantecare.

Questa dose di risotto e abbondante, ma é un peccato fare la fatica solo per le cialde.

Quindi tenete da parte i 100 g che vi servono e il resto potete consumarlo come prima piatto magari aggiungendo delle fragole, del basilico fresco ed altre triglie, se vi avanzano.

Per le cialde, frullate grossolanamente il riso avanzato lasciando qualche chicco intero.

Ungete leggermente un folgio di carta da forno e versate il riso a cucchiaiate distanziandole tra di loro. Ricoprite con un altro foglio di carta da forno unto e schiacciate le cialde con un piccolo mattarello per ottenere uno strato sottile.

Cuocete in forno a 100° C per circa 30 minuti o fino a che saranno leggermente croccanti.

Salate e pepate i filetti di triglia. Scaldate una padella con un filo d'olio e fate cuocere i filetti 2 o 3 minuti per lato iniziando dal lato con la pelle.

Impiattate mettendo al centro del piatto una cucchiaiata di maionese, appoggiate sopra la cialda di riso e poi il filetto di triglia. Decorate il piatto con il pesto, altra maionese e piccole foglioline di basilico. Condite ancora con un filo d'olio e servite subito.

 

Con questa ricetta pertecipo  alla Mystery Cloche dell'MTC

L'immagine può contenere: testo

 

 

Comments (5) -

Tina
09/06/2018 23:07:29 #

Triglia e vaniglia è un abbbinamento da provare, mi hai convinto.E se non c'erano contrattempi cosa avresti preparato?  

Reply

Anna Laura
10/06/2018 17:37:11 #

Appetitoso ed invitante. Appena ritrovo la pazienza di diliscare triglie...

Reply

acquaviva
12/06/2018 07:19:56 #

Mi piace tutto molto. Uno spunto per la prossima volta: il riso nero è integrale e la risottatura non è la cottura ideale perchè non rilascia abbastanza amido. Puoi usare gli stessi aromi con una cottura pilaf o per assorbimento se ti mangi il riso così, oppure spezzare i chicchi con una frullatura preliminare ed allungare ulteriormente i tempi di cottura se ti serve per le cialde.

Reply

Valeria
12/06/2018 11:24:33 #

Grazie per la dritta. Immagino che saranno tutte cose da studiare a partire da settembre Smile

Reply

Mapi
24/06/2018 12:47:53 #

Le vicissitudini di questa ricetta mi hanno ricordato un compito in classe di matematica (la mia bestia nera) svolto mentre ero al primo banco, in cui presi 6 (per me, un miraggio!) e il commento della prof era stato "bisogna aiutare chi è solo contro le avversità".
Senza dubbio hai trascorso un anniversario complicato, ma gustoso. :-9
Una piccola segnalazione: il riso selvaggio, Zizania Aquatica, appartiene a una famiglia diversa da quella del riso (Oryza Sativa). Per me si tratta di un ingrediente fuori cloche (non so che cosa ne pensi il resto della Redazione e soprattutto Alessandra). In ogni caso fortunatamente tu sei già in classe. Wink
Un abbraccio.

Reply

Add comment

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading


Powered by BlogEngine.NET

Anch'io sono

 

La mia ricetta su

 

 

il secondo libro dell'MTChallenge!

 

 

Seguimi

 

 

Google+

Convertitore cups/grammi